Archivi tag: biologico

cose che cambiano… – things change…


4 Luglio, il mio ultimo post. che sarà mai successo in tutto questo tempo?
faccio la lista delle cose che sono cambiate per darvi un’idea:
1- da convivente a single
2 – da sana come un pesce a operata d’urgenza (per fotuna tutto ok!)
3 – da casa arredata come piace a me a non mi piace più faccio la rivoluzione
4 – da mangio/bevo/sgranocchio solo junk food a ingrassare 5 kili, con conseguente inversione di marcia verso una vita sana = riprogrammare il cervello
5 – da vita da mozzarella il cui massimo movimento è cambiare canale sul telecomando a mettere la marcia e prendere coraggio e scarpe da ginnastica
6 – da sono triste, non ho il controllo della mia vita a meditare, feng shui, fare yoga

Saturno in opposizione per quasi tutto l’anno allo scoprione si è fatto sentire. Il pianeta delle rivoluzioni, dei grandi cambiamenti non si smentisce mai, vero paolo fox?!
Giusto per dire che sono stata un tantino impegnata a cambiare pelle, cambiare vita, cambiare.

Parte della nuova vita salutista è cercare qui intorno all’ufficio, in centro posti in cui si mangi sano a prezzo umano. devo dire che la battuta di caccia di ieri a pranzo (previa ricerca web) è andata a buon fine. Un piccolo angoletto che si chiama Dì Gusto, in via Clementi http://www.digusto.net/(vicino piazza cavour, ah siamo a Roma), con 11 euro ho mangiato una lunchbox con 3 mini hamburger vegetariani, riso e verdure + un’ottima centrifuga di frutta e verdura. ho cucinato un giorno in meno e ho tenuto fede al nuovo regime alimentare.
tra i tanti impegni cercherò di tenere aggiornato il blog ad ogni costo… e comunque su Twitter sono attiva @inmy30…. a presto!

Annunci

Ruvido come l’olio

Anche il più insospettabile dei weekend può diventare fonte di esperienze culinarie.
E partiamo così, con genitori al seguito, venerdì scorso per il viterbese. La scusa: il compleanno della mia mamma; la realtà: 24h di cibo continuato.
Grazie al prezioso amico Twitter avevo letto di Caffeina, questo festival a Viterbo a metà tra il culturale e il gastronomico, grazie all’organizzazione di Slow-food. Nemmeno a dirlo siamo finiti a seguire solo la metà gastronomica, preferendo la beata ignoranza.
Viterbo sabato sera ci si è presentata colma di persone che a malapena si riusciva a camminare, bellissimo. Abbiamo passeggiato per strade e angoli dal sapore medievale in un’atmosfera carica di glamour.
Anche se la passeggiata era alla ricerca del ristorante vale comunque come esplorazione culturale? SI/NO barra la casella.
Top della serata la degustazione di olio – durata quasi un’ora – organizzata da slow food. Una “verticale” di olii della sabina e del viterbese, partendo dal più fresco ed erboso per terminare al più amaro e fruttato (per frutto intendo l’oliva). Il produttore locale ci ha spiegato come con i nuovi – ancora rari- mulini si riesca a macinare il frutto senza utlizzo dell’acqua – corca 80 quintali l’ora!!! – con enorme risparmio per l’ambiente e mantenendo intatte e non diluite le proprietà dell’olio stesso.
Consiglio decisamente di provare questa degustazione, guidata solo da esperti, anche solo per la sensazione dell’olio che avvolge la bocca e per scoprire quanto piccante possano essere le differenti tipologie di prodotto.
E pensare che non mi sono macchiata nemmeno con una goccia :)
Abbiamo incontrato anche ben 3 coppie di sposi, sempre benaugurante no?
Il festival continua fino al 7 luglio. Una bella esperienza. Una bella organizzazione. Un bel territorio.

buongiorno colore!

cassettone bioInizio la giornata con la prima consegna della mia vita di un cassettone bio di frutta e verdura. fuori piove, è grigio, e un’esplosione di colore arriva direttamente alla mia porta! Ancora non ho assaggiato nulla – mentre pagavo la consegna infilavo la giacca e chiamavo l’ascensore per correre in ufficio – l’aspetto è ottimo, il mix vario. Non vedo l’ora di cucinareeee